Viniyoga

Il termine viniyoga appartiene allo yoga classico. Lo si ritrova infatti al sesto aforisma del terzo libro degli Yoga-Sutra: “tasya bhumishu viniyoga” (l’applicazione – viniyoga – di ciò –  tasya – in funzione dei livelli – bhumishu). […]

Verso gli anni1980, in India, T. Krishnamacharya precisava la nozione di viniyoga collegandola alla pratica di asana e del pranayama. Voleva, in quel momento della storia del suo insegnamento, insistere sull’importanza di una giusta applicazione delle tecniche psicosomatiche dello yoga ad ognuno, tenendo conto di un certo numero di considerazioni individuali. Gli si deve la celebre formula: “Non è la persona che deve adattarsi allo yoga, ma è lo yoga che deve essere accuratamente adattato alla persona”.[…]

Su un piano pratico, il viniyoga consiste dunque nel rispettare la persona: età, sesso, salute, costituzione, professione, cultura, residenza, abitudini di vita, aspirazioni, attitudini, credenze …

Claude MARECHAL


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *